Informazione

Babysitter cooperative

Babysitter cooperative


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Cos'è una cooperativa di babysitter?

La definizione ufficiale di una cooperativa è un'impresa o istituzione posseduta e gestita dalle persone che utilizzano i suoi servizi. In pratica, ovviamente, le cooperative di babysitter sono molto più casual: fondamentalmente, un gruppo di genitori si riunisce e accetta di guardare a turno i figli l'uno dell'altro.

Molti club di mamme locali o altri gruppi genitoriali hanno una cooperativa di babysitter, quindi considera di unirti a un gruppo del genere se ne esiste uno nella tua zona.

Perché ne ho bisogno?

Il motivo principale per cui la maggior parte dei genitori si unisce o inizia a fare da babysitter a cooperative è per risparmiare denaro sulle sitter. È uno scambio invece di un servizio a pagamento: ottieni gratuitamente il servizio di babysitter in cambio del servizio di babysitter gratuito per gli altri. E questo può essere più facile di quanto pensi perché guardare i figli di altre persone è meno faticoso quando sei già a casa a guardare i tuoi.

Man mano che i tuoi figli crescono, il babysitter condiviso può effettivamente sembrare più come scambiarsi le date di gioco. I bambini sono occupati a giocare insieme, il che ti dà più tempo per te stesso.

Ancora più importante, entrare a far parte di una cooperativa ti assicura che tuo figlio sarà assistito dal miglior tipo di baby-sitter, un altro genitore che conosci e di cui ti fidi. Non devi preoccuparti di assumere un adolescente che è essenzialmente uno sconosciuto e potrebbe prestare scarsa attenzione ai tuoi figli o fare cose a casa che non approvi del tutto.

"La cosa migliore della cooperativa, oltre a non dover pagare, è che i nostri figli si conoscono e giocano insieme", dice Marie desJardins, madre di due figli a Menlo Park, California. "Quindi, in un certo senso, è effettivamente meglio che avere una baby sitter perché è un piacere per i bambini visitare la casa di un amico. Inoltre, sappiamo che questi sono genitori esperti e, nel tempo, i genitori sono diventati amici intimi pure."

Come ne creo uno?

Prendi l'iniziativa. Parla con altri genitori del tuo vicinato e vedi se l'idea piace. Se sei nuovo nella zona, o semplicemente non hai incontrato molti genitori, prendi in considerazione la possibilità di pubblicare volantini in un punto di ritrovo locale: il caffè all'angolo, la palestra, il negozio di prodotti per bambini in fondo alla strada o controlla online per un gruppo genitoriale in la tua zona.

Marie desJardins ha avviato la sua cooperativa dopo aver letto un articolo sull'argomento in una newsletter per le mamme casalinghe. Poco dopo, ha inserito un annuncio nella sua newsletter dell'asilo nido chiedendo ai genitori interessati di chiamarla. Molti di loro lo fecero. Il risultato? Il gruppo ha stabilito un sistema di scambio a tre vie.

I partecipanti hanno creato la loro cooperativa utilizzando un sistema a punti. Ogni ora (o porzione di tempo) di babysitter vale un determinato numero di punti. I genitori vengono pagati per il tempo di babysitter in fiches da poker, che rappresentano questi punti.

Ad esempio, una mezz'ora di seduta può essere scambiata con una chip bianca, un'ora con una chip rossa e due ore con una blue chip. Quando i membri accumulano abbastanza chip per "pagare" per un'uscita imminente, chiedono a un altro membro di fare da babysitter.

"Il problema della configurazione del sistema di chip è che quando si esaurisce il tempo guadagnato, si ha un incentivo a fare da babysitter per gli altri genitori nella cooperativa", dice desJardins, "il che significa che tutti finiscono per uscire in base abbastanza regolare ".

Naturalmente, puoi anche utilizzare un sistema molto più informale in cui tieni semplicemente traccia del numero di ore di babysitter di ciascun membro e consideri lo stesso numero di ore di babysitter gratuite guadagnate.

Dopo aver trovato alcuni partecipanti disponibili, pensa a impostare alcune linee guida. Alcuni aspetti da considerare:

  • Compensazione. Vuoi usare un sistema di ricompensa in tempo come il metodo con i chip di desJardins? O preferisci che i genitori tengano semplicemente traccia del loro tempo? Alcuni gruppi organizzano anche le cose in modo che i genitori vengano pagati per il loro tempo, quindi usano quei soldi a loro volta per pagare altri genitori per il servizio.
  • Prezzi. Come determinerai il valore delle ore di babysitter? Ad esempio, le famiglie con più di un figlio pagheranno un'aliquota maggiore rispetto alle famiglie con figlio unico? I membri della cooperativa guadagneranno crediti extra per le vacanze?
  • Pianificazione. Un approccio consiste nell'impostare un elenco di posta elettronica di gruppo e inviare aggiornamenti settimanali sulla pianificazione per assicurarsi che tutti sappiano cosa sta succedendo. Alcune cooperative ritengono che sia meglio chiedere a una persona di tenere traccia della pianificazione. Il lavoro può ruotare mensilmente o essere tenuto da qualcuno che viene compensato per il suo tempo con ore extra di babysitter.
  • Regole di base. Vuoi stabilire delle regole su quanto tempo in anticipo un membro della cooperativa deve programmare o annullare un appuntamento di babysitter? E quanto lontano può arrivare una famiglia prima di dover iniziare a restituire i servizi di babysitter?
    Inoltre, quale dovrebbe essere la politica se i membri abbandonano il gruppo dovrebbero essere invitati a recuperare il tempo "dovuto" prima di andarsene? E i nuovi membri dovranno avere uno sponsor nel gruppo per entrare a far parte della cooperativa o chiunque può partecipare?

Dopo aver definito i dettagli, distribuisci un elenco principale che includa le informazioni di contatto di ciascun membro. Assicurati di avere i numeri di telefono, gli indirizzi e-mail e gli indirizzi postali di tutti. Prendi nota del numero di bambini in ogni famiglia, nonché dei loro nomi, età e informazioni sui contatti di emergenza.

Siti web come Babysitter Exchange e Sitting Around possono aiutarti a creare e gestire una cooperativa. Puoi anche ottenere buoni consigli da libri come Babysitting Co-Op 101: una soluzione win-win per l'infanzia, di Samantha Fogg Nielsen e Rachel Tolman Terry, o Smart Mom's Baby-sitting Co-Op Handbook: How We Risol The Babysitter Puzzle, di Gary Myers.


Guarda il video: Funny Twin Pranks! (Potrebbe 2022).