Informazione

Episiotomia

Episiotomia

Cos'è un'episiotomia?

L'episiotomia è un taglio chirurgico nella pelle tra la vagina e l'ano (l'area chiamata perineo) destinato ad allargare l'apertura vaginale appena prima del parto della testa del bambino.

Gli ostetrici erano soliti eseguire regolarmente l'episiotomia per accelerare il parto e prevenire la lacerazione della vagina, in particolare durante un primo parto vaginale, nella convinzione che l'incisione "pulita" di un'episiotomia sarebbe guarita più facilmente di una lacrima spontanea. Molti esperti hanno anche ipotizzato che un'episiotomia potrebbe aiutare a prevenire complicazioni successive, come l'incontinenza.

Ma molti studi negli ultimi 20 anni hanno dimostrato che non è così. In effetti, non ci sono prove valide che l'episiotomia offra al tessuto vaginale e ai muscoli del pavimento pelvico una vera protezione e la procedura potrebbe effettivamente causare problemi. Per questo motivo, l'American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) e una miriade di altri esperti ora concordano sul fatto che la procedura non dovrebbe essere eseguita di routine.

L'incidenza delle episiotomie è diminuita, da circa il 17% delle nascite vaginali nel 2006 al 7% nel 2018 (il numero di episiotomie eseguite per il forcipe o il parto assistito dal vuoto è significativamente più alto, sebbene anche queste abbiano mostrato un calo Tuttavia, ci sono alcuni esperti che pensano che il numero potrebbe essere ancora inferiore.

Il Leapfrog Group, un'organizzazione senza scopo di lucro che sostiene l'assistenza sanitaria positiva negli Stati Uniti, ad esempio, ha fissato l'obiettivo di un tasso di episiotomia inferiore al 5%.

Perché è meglio strapparsi naturalmente che sottoporsi a un'episiotomia?

La ricerca ha dimostrato che le donne con una lacrima spontanea generalmente guariscono nello stesso o meno tempo e spesso con meno complicazioni rispetto a quelle che hanno avuto un'episiotomia.

Svantaggi di avere un'episiotomia:

  • Puoi lacerare ulteriormente sia la pelle che gli strati muscolari, incluso occasionalmente lo sfintere anale. (Queste sono note come lacerazioni di terzo o quarto grado). Queste gravi lacrime provocano un maggiore dolore perineale dopo il parto, richiedono un periodo di recupero significativamente più lungo e hanno maggiori probabilità di interferire con la forza dei muscoli del pavimento pelvico. Le lacrime che interrompono lo sfintere anale rendono più probabile che la mamma abbia l'incontinenza anale - difficoltà a controllare i movimenti intestinali o il gas.
  • È probabile che tu perda più sangue al momento del parto
  • È probabile che tu abbia più dolore durante il recupero
  • È probabile che dovrai aspettare più a lungo prima che facciano sesso senza disagio
  • Hai un rischio maggiore di lacrimazione al parto successivo, se ricevono un'episiotomia per il loro primo parto vaginale
  • Sei a rischio di guarigione asimmetrica della pelle e altri risultati fisici a lungo termine

Quando potrebbe essere necessaria un'episiotomia?

Raramente. Non ci sono scenari specifici in cui un'episiotomia è chiaramente indicata e nella maggior parte dei casi il tuo medico cercherà di evitare di farne una.

Se il tuo bambino sta incoronando e la sua frequenza cardiaca è bassa, ad esempio, potrebbe essere eseguita un'episiotomia per consentire un parto più veloce della testa. Tuttavia, la frequenza cardiaca di solito si riprende e di solito c'è tutto il tempo per consentire lo stretching perineale, quindi anche in questo caso un'episiotomia sarebbe raramente necessaria. In ogni caso, il medico valuterà i potenziali rischi dell'episiotomia rispetto ai potenziali benefici per il tuo bambino.

Come posso evitare un'episiotomia se non è necessaria?

Parla con il tuo medico all'inizio della procedura.

Chiedi con quale frequenza e in quali condizioni eseguirà un'episiotomia e come potrebbe aiutarti a evitare la lacrimazione. (Chiedi anche degli altri nella pratica, nel caso in cui ti ritrovi con qualcun altro alla tua consegna.)

Gli studi dimostrano che, come gruppo, le ostetriche tendono a fare molte meno episiotomie rispetto alle ostetriche. Le ostetriche hanno anche fornito gran parte della ricerca che mostra come un'episiotomia indebolisca il tessuto perineale, aumentando il rischio di lacerazioni di terzo o quarto grado.

Includi nel tuo piano di nascita che non vuoi un'episiotomia a meno che non sia necessario.

Come viene eseguita un'episiotomia?

Se il tuo medico decide di fare un'episiotomia, ti farà un'iniezione di un anestetico locale e userà le forbici chirurgiche per fare un piccolo taglio verticale nel tuo perineo poco prima della nascita del tuo bambino. Questa è chiamata incisione sulla linea mediana. (A volte, se il tuo perineo è già insensibile e assottigliato dalla pressione della testa del tuo bambino - o se hai già un'epidurale - può eseguire l'episiotomia senza farmaci antidolorifici.)

In rari casi, viene eseguito un taglio su un angolo. (Questa è chiamata incisione mediolaterale.) Quando è necessario un parto assistito (come il forcipe), alcuni operatori ritengono che un'episiotomia mediolaterale sia più probabile che una linea mediana per prevenire lo strappo. Rispetto alle incisioni mediane, queste incisioni laterali possono provocare recuperi più lunghi, più dolore postpartum e perineale e persino alcune cicatrici a lungo termine.

Dopo aver partorito, riceverai un'altra dose di anestesia locale per essere sicuro di essere completamente insensibile prima che il taglio venga ricucito.

Com'è il recupero da un'episiotomia?

Se hai avuto un'episiotomia (o una lacrima), avrai punti in un'area molto tenera e avrai bisogno di un po 'di tempo per guarire. I tuoi punti non dovranno essere rimossi: si dissolveranno da soli durante le settimane successive al parto.

Il medico potrebbe consigliarti un antidolorifico da banco e un ammorbidente per le feci. (Unguenti e creme non si sono dimostrati efficaci per il dolore da episiotomia.)

Se hai bisogno di qualcosa di più forte per alleviare il dolore, il tuo medico può fornire antidolorifici su prescrizione. (Se stai allattando il tuo bambino, parlane con il tuo medico, perché alcuni farmaci non sono compatibili con l'allattamento.)

Alcune donne avvertono poco dolore dopo la prima settimana, mentre altre hanno fastidio per un mese o più, in particolare se hanno una lacerazione di terzo o quarto grado.

Usa impacchi di ghiaccio sulla zona perineale subito dopo il parto e in modo intermittente per le successive 12 ore circa per intorpidire l'area e prevenire o ridurre il gonfiore. Per consigli più specifici su come prenderti cura di te stesso, consulta il nostro articolo sulla gestione del dolore perineale postpartum.

Quando posso fare di nuovo sesso?

Il tuo perineo dovrebbe essere completamente guarito da quattro a sei settimane dopo il parto, quindi se il tuo caregiver dà l'ok e tu sei all'altezza, puoi provare a fare sesso allora. Se hai avuto una lacerazione di terzo o quarto grado, è particolarmente importante aspettare di fare sesso fino a dopo essere stato esaminato.

Potresti sentire un po 'di tenerezza e tensione iniziali. Prova a fare un bagno caldo e lascia un sacco di tempo per i preliminari. Potresti preferire essere in cima in modo da poter controllare il grado di penetrazione, oppure potresti scoprire che sdraiarsi su un fianco è più comodo.

Rilassarsi il più possibile e usare un buon lubrificante idrosolubile contribuirà a rendere il sesso più confortevole. Questo può essere particolarmente utile se stai allattando, perché l'allattamento abbassa i livelli di estrogeni, il che riduce la quantità di lubrificazione che la tua vagina può produrre. (Molte donne continuano a usare un lubrificante durante il sesso fino a quando non smettono di allattare.)

Se provi queste misure e scopri che il sesso è ancora scomodo o doloroso, parla con il tuo caregiver del trattamento. Considera l'idea di vedere un fisioterapista specializzato in riabilitazione pelvica. Questo tipo di terapia può aiutare con molti problemi postpartum, incluso il dolore durante il sesso.

Per saperne di più


Guarda il video: Cuidados de la EPISIOTOMÍA y DESGARRO perineal (Gennaio 2022).